Crea sito

Articoli Recenti

Ciclismo

Semi di girasoli – Settimana 2

di Bidon - Ciclismo allo stato liquido

copgir2

Adam, il geranio della redazione di Bidon – Ciclismo allo stato liquido, è un po’ spazientito da questo Tour privo di colpi di scena. Chi non lo è, del resto. Tuttavia con un po’ di dedizione, e soprattutto con qualche birra in più, siamo riusciti anche questa settimana a selezionare per lui e per voi una lunga serie di motivi più o meno validi per rimandare ancora di qualche giorno le meritate (?) vacanze e rimanere abbracciati al divano.

Secondo appuntamento con “Semi di girasoli”, il riassuntone in screenshot della vostra Grande Boucle preferita. Benvenuti.

 

Tappa 10: dopo il giorno di riposo, si riparte dal Principato di Andorra e Thomas Voeckler decide di salutare i telespettattori a modo suo,

1

 

mentre gli agricoltori della zona preferiscono salutare così, con tutto il proprio orgoglio.

2

Balle di fieno, sempre amiche. E anche un po’ di trattori: godeteveli, saranno gli ultimi per un bel po’. 😔

 

Sul palco delle premiazioni sale un grande Michael Matthews, vincitore di tappa dopo una fuga. Poco prima, sullo stesso palco, erano saliti anche Stéphanie e Thierry. Per sposarsi.

3

 

Tappa 11: arrivati in zona Carcassonne, il mistral comincia a spirare fortissimo. Si temono ventagli, così le nostre amate mucche lasciano il passo a aerodinamicissimi fenicotteri

5

 

e ad altrettanto aerodinamici cavalli tra i vigneti.

4

 

Per tre quarti di gara lo spettacolo non decolla, e Rafał Majka trova persino il tempo di fare due serie di piegamenti sulle braccia.

6

 

Ci pensano il suo compagno Peter Sagan e la maglia gialla Chris Froome a movimentare la corsa. Attaccano in pianura, staccano (quasi) tutti e si giocano la tappa nello sprint più improbabile del Tour. Vince lo slovacco (ma va?), però è Bodnar quello più felice di tutti.

11

 

Tappa 12 è la tappa del Mont Ventoux: l’epico, il tragico, il maledetto “gigante della Provenza”. E infatti succede di tutto anche stavolta. Porte, Mollema, Froome tamponano una moto ripresa.

gettyimages_547307692_670

 

La maglia gialla rompe la bicicletta e, con l’ammiraglia lontanissima, cosa decide di fare? Si mette a correre. Con gli scarpini da bici. Sul Ventoux. Oddio, più che un podista pare Neil Armstrong sulla luna, ma tant’è.

Schermata del 2016-07-18 22-47-34

Quante volte occorre dirti che non è opportuno correre accanto ai ciclisti, Chris?

 

Ma non è ancora finita. Prima di ottenere il condono dalla giuria, a Froome toccano anche 300 ridicolissimi metri sulla biciclettina imprestatagli dal cambio ruote:

Schermata 2016-07-19 alle 02.05.20

 

Nairo Quintana invece, in mezzo al delirio fa lo gnorri e dal cambio ruote si fa dare non una bici, ma direttamente un passaggio.

Schermata del 2016-07-18 21-43-04

 

Tappa 13 è una cronometro insidiosa, sali e scendi per le gole dell’Ardèche. Giustamente, qualcuno si prende del tempo per un’ arrampicata. C’è chi sale, come Julian Alaphilippe,

7

 

e chi scende, come Edward Theuns.

8

 

Un generosissimo Tom Dumoulin vince la tappa, ma perde il numero di gara:

Schermata 2016-07-19 alle 01.16.40

 

Tappa 14: per la gente dell’Auvergne il delfino gonfiabile è il vero favorito per la maglia gialla.

9

 

Gli agricoltori confermano.

10

 

Agricoltori evidentemente troppo concentrati a formulare pronostici, visto che lasciano incredibilmente sprovvisti di trattori tutti i propri campi.

11

Ridateci i trattori!

 

Più avanti, arrivando nella famosa riserva degli uccelli di Villars-les-Dombes, abbiamo l’occasione di vedere altri fenicotteri.

14

 

Occasione che sfugge a Marcel Kittel, insieme alla vittoria di tappa. A Cavendish invece sfugge molto poco, a ‘sto Tour: quarta vittoria di tappa, 30a in carriera. Trentesima. 30. Tre-zero.

15

 

Tappa 15: sui monti del Giura il mistero dei trattori si infittisce. Qui sono stati sostituiti nientemeno che da elicotteri.

16

 

I camion invece ci sono e, come tutti noi, hanno Nizza nel cuore.

17

 

Sulle strade sinuose del Grand Colombier,

Cnk1hp4WIAAYmH_

 

nonostante abbondino mucche in carne, ossa e monti che sorridono,

CnkrctbWcAA_bBH

 

alcuni volontari decidono ugualmente di alimentare una gigantesca mucca fake. Una squadra le smuove l’erba da brucare mentre un’altra, organizzatasi in staffetta, passa direttamente dalla mungitura al formaggio. Capolavoro.

17

 

Proprio quando sulla scomparsa dei trattori arriva ad indagare anche He-Man,

19

 

la tappa riesce a offrire addirittura due sussulti. Romain Bardet che perde gli occhiali e li guarda rimbalzare sull’asfalto

Schermata 2016-07-19 alle 03.35.38

Ci facciamo bastare un po’ di tutto ormai.

 

Chris Froome che si mangia un calippo.

22

 

Poi però vince Jarlinson Pantano, che sui Pirenei era stato uno dei nostri eroi, e noi sì, siamo tanto felici.

23

 

Tappa 16: un Teletubby annuncia che il Tour si sta dirigendo verso la Svizzera.

24

Ciao Dipsy, noi siamo da sempre fan di Tinky Winky, ma ti salutiamo ugualmente.

 

Anche la polizia di frontiera annuncia che il Tour si sta dirigendo verso la Svizzera.

25

Sì però anche meno seri va bene, eh.

 

A Berna esiste un uomo solo e si chiama Fabian Cancellara,

27

 

ma la tappa verrà ricordata soltanto per una cosa, il vero momento storico di questo Tour de France: Stef Clement che stabilisce il nuovo record mondiale nel Bidon Contest.

28

Quante ne ha?? Sul serio, quante? Regaliamo un abbonamento annuale agli aggiornamenti Facebook di Bidon al primo che risponde esattamente.

 

Altra lieta notizia è che in mezzo alle moto ogni tanto ci sono ancora dei ciclisti.

29

 

Qui la Etixx-QuickStep fa il più classico dei “panini” sulla corsa. Due in fuga

30

 

e tre dietro.

32

 

I primi due, Tony Martin Julian Alaphilippe, finiscono così: combattivi di giornata a pari merito.

33

 

E anche sul podio del vincitore rischiano di finire a pari merito Peter SaganAlexander Kristoff. Poi però Sagan la vince, grazie a un paio di reni più giovani e reattivi.

34

 

Oltre alla vittoria, al traguardo trova anche un pokemon.

35

 

Uno che somiglia sinistramente ad Andrea De Luca con le cuffie.

36

 

 

Bonus shots

Bonus shots inevitabilmente dedicati all’unico, grande avvenimento che probabilmente verrà ricordato di questo Tour de France. La corsa sul Mont Ventoux di Chris Froome ha infiammato per diversi pomeriggi i laptops di tutto il mondo. Abbiamo scelto le tre migliori reinterpretazioni della scena.

 

  • Chris Froome come Forrest Gump:

CnWcLJiUIAA0ud8

 

  • Chris Froome che si allena per la maratona di Rio 2016.

run (1)

 

  • Soprattutto, Chris Froome durante la festa di San FirminoFroome-San-Fermin-1170x658

 

A cura di Francesco Bozzi e Riccardo Spinelli di Bidon.

 

Il primo episodio è disponibile qui.

Bidon invece lo trovate qui, qui e qui.
Anche su Twitter, @ciclismoliquido.

 

 

 

 

 

 

 

Bidon - Ciclismo allo stato liquido

Bidon - Ciclismo allo stato liquido

"Bidon - Ciclismo allo stato liquido" è un posto per raccontare di biciclette, quando vien voglia di un sorso fresco.
Bidon - Ciclismo allo stato liquido

Latest posts by Bidon - Ciclismo allo stato liquido (see all)

Bidon - Ciclismo allo stato liquido

"Bidon - Ciclismo allo stato liquido" è un posto per raccontare di biciclette, quando vien voglia di un sorso fresco.